Udito e riabilitazione


Purtroppo a causa del passare dell’età o per patologie più specifiche, la graduale perdita (parziale o totale) dell’udito è una realtà con la quale bisogna imparare a convivere. È difficile accettare questo momento e imparare a convivere con un disagio che comporta sicuramente diverse difficoltà, soprattutto psicologiche, nelle normali attività quotidiane. Anche il momento in cui si decide di porre rimedio con l’acquisto di un apparecchio acustico non è sempre semplice, bisogna infatti accettare prima di tutto di non sentire bene, ed iniziare un iter di visite specialistiche ormai sempre più veloce, efficace e risolutivo, grazie anche all’evoluzione tecnologica che oggi ha reso possibile l’invenzione di apparecchi davvero comodi, piccoli e poco invasivi. È necessario prima di tutto credere che è possibile migliorare la propria condizione grazie a questi apparecchi, ma bisogna essere anche disposti a seguire scrupolosamente le indicazioni degli specialisti per abituarsi ad utilizzarli in modo corretto.


Tecnologia all’avanguardia e apparecchi quasi invisibili


Spesso si convive con un calo dell’udito per anni, ci si sforza e ci si concentra per cercare di sentire meglio e il risultato è che il nostro cervello si abitua sempre di più ad un certo tipo di suono o rumore. Questo per spiegare che quando si decide di utilizzare una protesi acustica, bisogna dare il tempo al nostro cervello di abituarsi a sentire normalmente di nuovo, senza fretta; per questo è fondamentale seguire l’iter della riabilitazione uditiva. Ogni audioprotesista infatti è in grado, a seguito di test specifici, di consigliare e indicare ad ogni paziente la protesi acustica più corretta e risolutiva per il suo problema, con il solo scopo di migliorare la qualità della sua vita. I tecnologici apparecchi di oggi infatti sono molto discreti e capaci di elaborare i suoni per riportare il paziente a sentire meglio, ma come dicevamo è necessario concedere del tempo di assestamento.


Il progressivo risveglio della funzione uditiva


Quando si comincia ad usare una protesi acustica, il più delle volte fatta su misura e modellata sul problema del paziente, quest’ultimo potrebbe riscontrare delle difficoltà iniziali, credendo che in realtà non funziona bene o al contrario che forse stava meglio prima. Ovviamente esistono numerose tipologie di protesi acustiche, più o meno invasive a seconda della patologia, ma l’intento della valutazione protesica è proprio quello di raccogliere tutte le informazioni utili inerenti allo stato uditivo del paziente così da scegliere il modello adatto e programmare anche un percorso graduale di adattamento. Bisogna quindi seguire una tabella di marcia con cui l’audioprotesista modifica gradualmente la sensazione uditiva del paziente, per farlo abituare nuovamente al suono e appuntare sia i disagi che i progressi che fa nel tempo; un vero e proprio risveglio della funziona uditiva. Quindi è importante tanto la protesi giusta quanto il riabilitatore che vi insegna ad utilizzarla passo dopo passo, inoltre è fondamentale darsi del tempo senza fretta e familiarizzare con i nuovi suoni, segnalare tutte le anomalie che si riscontrano, non alzare/abbassare subito il volume della tv o altri apparecchi ma darsi del tempo e soprattutto rivolgersi solo a centri specializzati dotati di tutte le figure competenti in grado di accompagnarvi in questo percorso.Il nostro Centro Acustico AudioClinic è ormai un punto di riferimento in tutta la Sardegna e offre soluzioni esperte nel settore delle protesi acustiche aiutando i suoi clienti a migliorare il proprio udito e di conseguenza la qualità della loro vita. Presso i nostri centri potrete trovare uno staff qualificato ed esperto in grado di seguirvi e accompagnarvi durante tutto il percorso, dai test fino alla scelta dell’apparecchio e infine dopo durante il percorso riabilitativo al suono. Visitate il nostro sito www.audioclinicapparecchiacusti.com per trovare la sede più vicina a voi e non esitate a contattarci per maggiori informazioni al numero 0789 50829 o inviandoci un’email all’indirizzo audioclinicot@gmail.com.
Le nostre sedi sono:
Olbia: Via dei Pasti 6 07026 Olbia OT
Tempio Pausania: Via Settembrini, 6 c/o La Sanitaria Vannini
Arzachena: c/o Soluzioni 360°, Viale Costa Smeralda 28/C
La Maddalena: Via Maggior Leggero, 56.